"mi do alla poesia perché al momento non vi è nulla di più rivoluzionario" (mio pensiero mattutino)
.
Annunci online

larosainpiu
LITtle blog di Salvatore Sblando
di questi e d'altri versi

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

sono passati di qua in 1

pagerank

Wikio Wikio

 


 

Felice di aver (poco!) aiutato Sal a creare il suo blog! Nausica
["Non chiederci la parola che squadri da ogni lato l'animo nostro informe"] 

 


 

 Il mio primo libro di poesie:

DUE GRANELLI NELLA CLESSIDRA

 Ed. LietoColle

More about Due granelli nella clessidra

... due argomenti universali si trovano qui declinati con estrema precisione e determinatezza: lo spazio e il tempo. Così come il tema del tempo balza agli occhi con icastica urgenza nel titolo della silloge, in quella clessidra semivuota che è poi non a caso anche l'incipit di una poesia, parallelamente le due sezioni in cui si articola la raccolta, "Paesaggi possibili" e "L'altrove", evocano immediatamente una spazia­lità che si gioca tra la concretezza e la potenzialità.  

E, come si è detto, questa geografia dell'anima che percorre i testi è ali­mentata da riferimenti precisi e determinati, fra cui senza dubbio emer­ge inconfondibile il profilo di Torino, la città dell'autore. Una Torino in­dividuata con un'esattezza toponomastica e descrittiva che stempera il coinvolgimento emotivo dell'autore verso i paesaggi e i personaggi che animano le scene di vita urbana quotidiana.  

[...] Il tempo esatto del passaggio degli autobus che si contrappone e completa un altro tempo, un tempo che sfugge e che spesso non si riesce a definire [...]Le ore, gli attimi che sfuggono ritornano con una ricorsività che si fa qua­si angoscia  

[...] (e) una figura di donna ad apparire al termine della raccolta, una "sconosciuta" che piace pensare sia figura della poesia stessa

  (dalla prefazione di Serena Focaccia)

 

  


 Salvatore Sblando
Salvatore Sblando

Crea il tuo badge

 


 

La mia pagina FB, dedicata  

alla musica dei NOMADI

NOMADI

Promuovi anche tu la tua pagina

 


 

arte
Lorella De Bon su Larosainpiu - Tre inediti
3 giugno 2011
SCOPRI SE DANTE E’ PASSATO DI QUI
“Archeologi” di De Chirico (1968)

Ho mille patrie e di nessuna
sono figlia, apolide aggrappata
a un’isola, alla deriva in un mare
tinto di sangue, morte e vita.

E’ in rovina il mio addome, collina
scavata da mani callose, dal tempo
vagabondo tra sogni a capitello
e incubi lastricati di marmo.

Scopri se Dante è passato di qui,
dimmi se ha chiesto aiuto a un re
lontano, che io ho tempo d’ascoltare
racconti di poeti e santi.

Scavami il ventre di sepolcri
ove poggiare vesti di malinconia,
costruisci acquedotti da riempire
con pensieri limpidi.

Ancora una volta sono piccole
parole a muovermi le labbra,
mozzate da cuspidi di luna
affacciata a un balcone di nuvole.

E i giorni a venire saranno
ospizi dove andare alla deriva,
gracili ombre di templi costruiti
a placare l’ira degli dei.



TI PORGO LA MIA SCHIENA BIANCA

Ti porgo la mia schiena bianca
e morbida, ché le cose passate
non facciano rumore e s’infilino
nella terra senza dolore.
Perché ogni viaggio è gioia
che al ritorno annega nel ricordo
e un abbraccio non basta
a coltivare le distanze.
E non mi resta che catturare
insetti per impararne il canto
infinito e regalartelo a piccoli
passi, come una dolce cura
o un frutto di stagione.



FIORI ROSSI SULLA SCHIENA A SCIVOLARMI

Ho fiori gialli negli occhi,
appesi alla parete in attesa
di sentirti l’odore e la pelle
dentro una notte infinita.

Ho fiori rossi sulla schiena,
uno per ogni carezza
che mi hai dato, fiori rossi
a scivolarmi sui fianchi,
ad aspettarmi la pioggia
sulle caviglie sottili.

Tra le dita dei piedi
un filo bianco di seta
a unirci i pensieri,
una perla a dirci preziosi.

Tra le mani un piccolo
pezzo di pane, che non ha
denti se non per la luna.

E intanto, passo il tempo
a cancellare le stelle,
finchè ne rimarranno
soltanto due.



Sono nata a Belluno nel Natale 1968. Sposata, mamma, lavoro come impiegata presso un ente pubblico e sono laureata in Storia alla Cà Foscari di Venezia con una tesi dal titolo “Sviluppo industriale in tre province alpine. Belluno, Bolzano, Trento: cause storiche di una differenziazione.” 
Scrivo e pubblico regolarmente poesie in rete su liberodiscrivere.it. http://www.liberodiscrivere.it/autori/schedaAutore.asp?IDAnagrafica=10880
Una mia raccolta è pubblicata, sotto forma di e-book, nel sito writers.it.

Altre mie poesie e lavori in prosa compaiono in numerose antologie e riviste, tra le quali:
- in “Avere un nome” antologia con pref. Don Ciotti - Edizioni Liberodiscrivere (Genova)
http://www.liberodiscrivere.it/biblio/scheda.asp?IDOpere=79392
- in “Le FiumIdee” antologia - Edizioni Liberodiscrivere (Genova) presentata alla Fiera del Libro di Torino 2004.
- rivista Poesia n.2/2004 nella rubrica Percorsi – Casa Editrice Pagine (Roma)
- antologia di poesia erotica femminile “Ti bacio in bocca” – Edizioni Lietocolle (Como)
- in “EStemporanea” 24 donne per un romanzo – Edizioni Liberodiscrivere (Genova) pref. di Gabriella Falconi http://www.liberodiscrivere.it/biblio/scheda.asp?IDOpere=115244
- antologia “Voci d’eco in spirale acuta” – Giulio Perrone Editore (Roma) 
- in “Malta Femmina” romanzo – Zona Editrice (Arezzo) presentato alla Fiera del Libro di Torino 2009.
- “Delitti % Diletti” (Melino e Nerella Edizioni), romanzo giallo presentato il 17 aprile 2010 alla Fiera del Giallo di Brescia
- in “L’ustione nella poesia” antologia poetica – LietoColle (Faloppio – CO)

Ho curato la pubblicazione di un’antologia poetica dedicata ad Alda Merini (autori vari) dal titolo “NATA IL 21 MARZO. Un seme nella terra, un fiore di poesia”, edita dall’Associazione Terre Sommerse di Roma, con prefazione della stessa Merini (http://www.terresommerse.it/shop/index.php?productID=11).

Una seconda antologia dal titolo “VOLPE BELLISSIMA”, sempre dedicata ad Alda Merini e da me curata, è attualmente disponibile sotto forma di e-book (in via di pubblicazione cartacea) nel sito L’Abile Traccia di Pietro Pancamo al seguente indirizzo http://www.labileabile-traccia.com/rivista_000000.htm

Lettura di una mia poesia (“Sala d’attesa i giorni”) durante la trasmissione di RAI3 “Cominciamobeneprima” del 18 novembre 2004.

Numerosi premi, segnalazioni e riconoscimenti fra i quali:
- segnalata al Concorso Nazionale di Poesia Haiku edizione 2004
- selezionata al Concorso “Ti bacio in bocca” delle Edizioni Lietocolle
- finalista all’8° Premio “De Palchi – Raiziss” – Verona 
- seconda classificata alla VI e IX edizione Premio di Poesia e Narrativa “Vigonza” (PD)
- finalista al premio di poesia on-line del Comune di Procida 2006 (poi esclusa in quanto non presenziante alla cerimonia di premiazione)
- prima classificata alla IX edizione del Premio “Alessio di Giovanni” in lingua siciliana dell’Accademia Teatrale di Sicilia (AG) - come autrice della versione in italiano
- menzione speciale della giura per la sezione in lingua italiana all’edizione 2007 del Premio di Poesia Circolo Empedocleo.
- selezionata al concorso di poesia “Il corpo e il mondo” 2007 indetto dall’Università Cà Foscari di Venezia – Comitato Pari Opportunità
- menzione di merito al Concorso Nazionale Poesia & Immagine 2008 “Le Donne” indetto dalle Edizioni Farnedi di Cesena
- prima classificata al concorso di poesia “Dis’Arte” 2008 indetto dall’Università Cà Foscari di Venezia – Servizio Disabilità.
- diploma di menzione di merito (finalista) al Concorso Letterario “Clemente Rebora e David Maria Turoldo” 2009 indetto dall’Associazione Culturale Cenacolo “Clemente Rebora” di Savigliano (CN) – sezione poesia in lingua italiana a tema libero
- segnalata al Premio di poesia “Alessio Di Giovanni” XII edizione per la sezione poesia in italiano indetto dall’Accademia Teatrale di Sicilia.






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lorella De Bon

permalink | inviato da Salvatore Sblando il 3/6/2011 alle 13:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio