Blog: http://larosainpiu.ilcannocchiale.it

Alessandro Congedo su Larosainpiu

 Alessandro Congedo, giovane e promettente poeta pugliese, nasce a  Lecce il 19/3/1981 dove attualmente studia Scienze politiche. Scrive in versi da un anno e mezzo e nonostante il suo percorso poetico sia ancora breve, è già stato finalista di diversi concorsi.
Alcune sue liriche sono presenti in antologie poetiche edite da Aletti e Stampalibri. Fa parte del collettivo letterario giovanile "Anomalie d'Artaud" di recente formazione e che opera presso il forum di poesia Nicola Imbraguglio.
Di seguito una sua lirica che, per usare le parole dell'autore è "Poesia sul viaggio come ricerca di un significato della propria esistenza e del tentativo di trascenderla. Il Tempo si inserisce come dimensione soggettiva e multiforme destinata ad essere vissuta da ognuno in solitudine malgrado gli sforzi e i momenti in cui le diverse dimensioni si congiungono per poi separarsi nuovamente." 


GLI OMINI

Lui spinge un po’ l’acceleratore
lecca l’asfalto, giusto un assaggio
è come provare
il teletrasporto per la prima volta

lei dice “non fermarti, è notte
e quei due in mezzo alla via
hanno una brutta faccia”

i lampioni arancioni
sembrano voler dire qualcosa
segnalare un pericolo
ma lui spinge e loro urlano
urlano
ma nell’auto gli Iron Maiden
fanno la danza della morte
e la strada più avanti è bloccata

sirene, tante sirene
stridono
e omini vestiti di rosso
intorno a un rottame tirano
fuori il corpo di un vecchio

c’è bisogno di ossigeno

abbiamo bisogno
di una grassa nuvola di ossigeno
e di sguazzarci dentro

lui dice “andiamo al mare
andiamo a casa” è notte
al villaggio vacanze, è inverno
i bungalow fantasmi
il prato è annaffiato dall’impianto
di irrigazione… schhhhhhhhhh

c’è bisogno di acqua

abbiamo bisogno
di un sommergibile carico d’acqua
e di viaggiarci dentro

ora le stelle, il cielo nero
tutto si è fermato
una sigaretta sul balcone
e gli omini del Tempo si svegliano:
ognuno ha il suo.


(© poesia di Alessandro Congedo)

Pubblicato il 30/5/2008 alle 22.57 nella rubrica Poesie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web